Nel tardo pomeriggio del 28 febbraio, la Camera dei Deputati ha approvato senza emendamenti il disegno di legge C-259, proposto dall’onorevole Federico Gelli, che reca “disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, così come ricevuto dal Senato della Repubblica lo scorso 12…

 Cassazione penale, sez. VI, sentenza 6 marzo 2017, n. 10889 Pronunciandosi su un ricorso proposto avverso la sentenza con cui la Corte d’appello aveva confermato la condanna per il reato di lesioni aggravate dall’uso dell’arma, consistita nell’impiego di una bomboletta di spray urticante, la Corte di Cassazione – nel respingere la tesi difensiva secondo cui l’aggravante…

 Cassazione penale, sez. V, sentenza 22 febbraio 2017, n. 8482 Nella diffusione di messaggi lesivi della reputazione attraverso siti internet sussiste la “comunicazione con più persone” e la diffamazione è aggravata da “altro mezzo di pubblicità” ai sensi dell’art. 595, comma 3 c.p. Questo è quanto stabilito dalla quinta sezione penale della Suprema Corte di…

Cassazione penale, sez. V, sentenza 21 febbraio 2017, n. 8362 Pronunciandosi su un ricorso proposto avverso la sentenza con cui la Corte d’appello aveva confermato la sentenza di condanna per il reato di atti persecutori in danno della ex moglie separata, la Corte di Cassazione (Cassazione penale, sez. V, sentenza 21 febbraio 2017, n. 8362)…

 Cassazione Civile, sez. VI-3, ordinanza 30/08/2016 n° 17407 In caso di infortunio sul lavoro, il risarcimento del danno biologico non può essere decurtato di quanto pagato alla vittima dall’Inail, a titolo di danno patrimoniale. Se l’Inail ha pagato alla vittima un indennizzo a titolo di ristoro di danni patrimoniali, l’Istituto avrà diritto di surrogarsi nei…

 Tribunale di Taranto, II sezione, ha affrontato  la questione su chi, tra alienante ed acquirente di un immobile, spettino le spese di straordinaria manutenzione quando esse siano state approvate da più delibere condominiali. Il Giudice adìto ha disposto che rileva la delibera definitiva di approvazione lavori, nella sentenza del 27 gennaio 2015, n. 293. Oggetto…

  Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con le pronunce del 24 novembre 2015, nn. 46625 e 46624, hanno affrontato due interessanti questioni: “se la circostanza aggravante prevista dall’art. 186, comma 2-bis, cod. strad., in riferimento al reato di guida in stato di ebbrezza, sia applicabile anche al rifiuto di sottoporsi all’accertamento per la…

Con sentenza del 9 marzo 2016 la Corte Costituzionale aveva dichiarato infondata la questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Corte d’Appello di Brescia con riferimento all’art. 75, DPR 9 ottobre 1990, n. 309. Tale questione era riferita alla particolare condotta di coltivazione di sostanze stupefacenti per uso personale, la quale a norma di legge assume…

Un marito, a seguito della separazione, si trova in busta paga una somma inferiore a quella percepita in quanto l’Inps paga direttamente alla moglie, con cui convivono i figli, gli assegni familiari. L’uomo, pertanto, ricorre prima in Appello e poi in Cassazione, chiedendo di versare la differenza tra quanto stabilito dal giudice a suo carico…

© Studio Legale Associato Gandolfi Colleoni Machirelli Regoli

logo-footer